Sicurezza sul Lavoro: Parere del Prof. Armando Masucci PDF Stampa E-mail
Sabato 05 Febbraio 2011 11:19

 

Rispondendo ad un parere giuridico chiesto dall'UTI in merito agli obblighi del conducente in materia di Sicurezza sul Lavoro, il Prof Armando Masucci, Consigliere del Ministro per l'attuazione del programma in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, conferma sia la tesi da noi pubblicata dell'Avvocato Rolando Dubini (http://www.assodemoscoop.it/news/674-sorveglianza-sanitaria-e-formazione-per-i-conducenti-di-taxi.html), in merito alla perfetta coerenza della Delibera 55/2010 del Comune di Roma, con le norme in materia di Sicurezza sul lavoro,  e smentisce per l'ennesima volta chi ha scritto della delibera 55 come di una "ridicola gabella burocratica" (http://www.uritaxi.it/portaltest/?q=node/948) o di chi ne ha addirittura chiesto l'azzeramento come la UNICA TAXI CGIL di Roma.

 

 

Prof. Armando Masucci

Direttore di Struttura Complessa Medicina Preventiva, Igiene ambientale e Radioprotezione

           Azienda Ospedaliera di Rilevo Nazionale e Alta Specialità “San Giuseppe Moscati” - Avellino

Docente di Medicina Legale  - Facoltà di Medicina e Chirurgia -  Università degli Studi di Siena

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Igiene e Medicina Preventiva

Specialista in Tossicologia

Specialista in Endocrinologia Chirurgica

Specialista in Management dei Servizi Ambientali

Specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni

 

SPETT.LE

Unione Tassisti Italiani

Sedi Regionali

 

Oggetto : Parere giuridico sulla documentazione necessaria per l’attività di conducenti.

Normative di riferimento:  Art. 21 e 26 D.lvo 81/08 e s.m.i.

                                               Art.25 co.1 D.lvo 81/08 e s.m.i.

                                                Art.37 co.12 D.Lvo 81/08 e s.m.i

                                                Legge quadro n.125 del 30/03/01 (art.15 co.1)

                                                Intese approvate dalle Conferenze Unificate Stato – Regione del 

                                                30/03/06 e 30/10/07

                                                Art.41 D.lvo 81/08

                                                Allegato 17 D. lvo 81/08 (idoneità tecnico – professionale lavoratori

                                                 autonomi)

 

La documentazione necessaria per una corretta osservanza delle succitate normative  si diversifica se trattasi di :

-         Soci lavoratori di cooperative , imprenditori privati di noleggio con conducente che si avvalgono di lavoratori dipendenti e imprese familiari

-         Singoli lavoratori autonomi (tassisti) o artigiani

Nel primo caso dovranno produrre : nomina di medico competente, nomina degli addetti al primo soccorso e all’emergenza con relativa attestazione , certificato di idoneità con relativa attestazione al non essere dediti all’uso di sostanze alcoliche o stupefacenti e  psicotrope ; attestazione dell’aggiornamento annuale dei rischi relativi alla sicurezza effettuato per ogni singolo lavoratore eseguita in collaborazione con gli Enti Bilaterali (art. 2 co.1 lett. e, art. 30, art.37 co.12 e art.51 D.lvo 81/08 e s.m.i), audit alcologico  e visita medica specifica relativa al rischio alcol e droga (art.41 co.4 e 4bis)

Nel secondo caso (tassisti) dovranno produrre :

-         Certificazione rilasciata dal medico competente attestante l’idoneità all’attività di conducente contenente la specifica attestazione relativa al non essere dediti all’uso di sostanze alcoliche o stupefacenti e psicotrope

-         Attestazione di avvenuta formazione  dell’aggiornamento annuale dei rischi relativi alla sicurezza effettuato per ogni singolo lavoratore eseguita in collaborazione con gli Enti Bilaterali (art. 2 co.1 lett. e, art. 30, art.37 co.12 e art.51 D.lvo 81/08 e s.m.i). L’attestazione dovrà contenere anche il richiamo relativo ai principi generali di prevenzione incendi (D.M.10/03/1998 e s.m.i.)e primo soccorso secondo la normativa vigente.


PROF. ARMANDO MASUCCI

Consigliere del Ministro per l’attuazione del programma in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.